Artinvest2000: Gustave Flaubert (Rouen, 12 dicembre 1821 - Croisset, 8 maggio 1880)

 

 

Artinvest2000: Gustave Flaubert (Rouen, 12 dicembre 1821 - Croisset, 8 maggio 1880)

Gustave Flaubert è stato un narratore francese; è considerato l'iniziatore del realismo nella letteratura francese ed è conosciuto soprattutto per essere l'autore del romanzo Madame Bovary e per l'accusa di immoralità che questa opera gli procurò.


Figlio di un chirurgo e, per parte di madre, originario di una famiglia di stimati magistrati, Flaubert fa le sue prime prove letterarie quando è ancora studente, nel 1837.

Sviluppa uno spirito critico e un giudizio aspramente anticonformista, influenzato anche da un amico filosofo e dai vari medici amici del padre. Si iscrive nel 1841 alla facoltà di legge di Parigi ma, a causa del manifestarsi di una forma di epilessia, abbandona gli studi universitari e si dedica interamente alla letteratura.

In seguito alla morte del padre e della sorella, che lascia una bambina neonata, si ritira con la madre e la nipotina a Croisset, dove passerà gran parte della sua vita. Ha una relazione con la poetessa Louise Colet; tale relazione, portata avanti fra contrasti dovuti in particolare al desiderio di indipendenza di Gustave, si chiude nel 1855.

Nel 1847 Flaubert scrive un diario di viaggio dal titolo Pour les champs e pour les grèves, molto riuscito ma pubblicato solo postumo.

Scrive poi, passando attraverso varie successive redazioni L'Èducation Sentimentale (1843-1845), opera con la quale dà un'approfondita descrizione della società francese di quegli anni. Si impegna nella redazione della Tentazione di Sant'Antonio il cui avvio risale al 1839 e che giunge a conclusione solo nel 1874.

Il capolavoro di Flaubert, Madame Bovary, frutto di una lunga gestazione, dal 1837 al 1856,rappresenta l'insoddisfazione della giovane moglie di un medico di provincia che sogna una vita diversa affascinante e capace di appagarla sul piano dei sentimenti;la sua meta sognata è Parigi,mentre il disgusto per il marito goffo, rozzo e dalla "conversazione piatta come un marciapiede" la travolge. Quindi si dedica a Salammbô racconto ambientato nella antica Cartagine. Scrive poi Bouvard et Pécuchet, testo lasciato incompleto. Flaubert infatti muore improvvisamente per un colpo apoplettico.



Cose che parlano
La lezione letteraria dell'autore di L'educazione sentimentale è che nel romanzo "occorre far parlare le cose,.... far sí che dicano la loro realtà,... far sí che dicano la loro verità".

Auerbach (noto critico letterario) lo definisce efficacemente quel "realismo naturale" che comporta grandi novità nel romanzo moderno:

la scomparsa del narratore-onnisciente, che parlava al di sopra dei personaggi, in terza persona, e guidava il lettore nei primi romanzi dell'Ottocento, per diventare un osservatore del mondo esterno su cui modella i propri personaggi e le scene del romanzo, perdendosi in descrizioni meticolose di particolari (intere pagine dedicate a descrivere un oggetto)
l'abbandono della dottrina delle tre unità aristoteliche per cui il romanzo e qualunque opera artistica dovevano essere verosimili e pertanto seguire unità di tempo, di luogo, di azione.
Il realismo francese vede la verosimiglianza nell'avere uno spazio descritto realisticamente e dei personaggi ben tipizzati, al di là di un tempo in scena o di un numero di pagine assegnato a parti del romanzo in proporzione ad una loro durata effettiva: ovvero il romanzo può anche essere dispersivo, svolgersi in più luoghi anche contemporaneamente e in più giorni, mentre prima poteva svolgersi in solo luogo, in solo giorno con una trama molto lineare.

Curiosità
A Flaubert è stato intitolato il cratere Flaubert, sulla superficie di Mercurio

 

Aforismi:


Ritengo una delle fortune della mia vita il fatto di non scrivere per i giornali. Le mie tasche ci rimettono, ma la mia coscienza è soddisfatta.

L'autore nel suo libro deve essere come Dio nel suo universo, dovunque presente e in nessun luogo visibile.

Perché voler essere qualcosa quando si può essere qualcuno?

Ogni trovata narrativa è reale, ne potete star certi. La poesia è una scienza esatta quanto la geometria.

Si fa della critica quando non si può fare dell'arte, nello stesso modo che si diventa spia quando non si può fare il soldato.

Gli affetti profondi somigliano alle donne oneste. Hanno paura di essere scoperte e passano nella vita con gli occhi bassi.

L'avvenire ci tormenta, il passato ci trattiene, il presente ci sfugge.

Quando si guarda la verità solo di profilo oppure di tre quarti la si vede sempre male. Sono pochi quelli che sanno guardarla in faccia.

Non c'è nulla di così umiliante come vedere gli sciocchi riuscire nelle imprese in cui noi siamo falliti.

Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. Leggete per vivere.

Un cuore è una ricchezza che non si vende e non si compra: si dona.

Un bacio legittimo non varrà mai come un bacio rubato.

La vanità è alla base di tutto, anche la coscienza non è altro che vanità interiore.

Il vero problema dello scrivere non è tanto di sapere ciò che dobbiamo mettere nella pagina, ma ciò che da questa dobbiamo togliere.

L'orgoglio è una bestia feroce che vive nelle caverne e nei deserti; la vanità invece, come un pappagallo, salta di ramo in ramo e chiacchiera in piena luce.

Un linguaggio diverso è una diversa visione della vita.

 

 

  Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

  Home  |  Introduzione  |  Storia dell'Arte  |  Tavole cronologiche  |  Artisti  |  Eventi  |  Nudo nell'Arte   |  Impressionismo  |   Immagini per Desktop  |  Movimenti artistici

 Home  |  Introduction  |  Art's history  |  Chronological tables  |  Present day Artist's  |  Artists of the past  |  Astrology in the Art   Naked in the Art's   |   Impressionism  |  Desktop